Mangiare con gli occhi: trucchi per la food photography

Viviamo nell’era nella quale la foto del piatto che stiamo per mangiare è importante quasi tanto quanto il gusto di quello che stiamo mangiando. Conoscere alcuni trucchi può fare la differenza tra una fotografia food qualsiasi e una fotografia food professionale. Se ti stai chiedendo come fotografare il cibo qui ci sono 5 trucchi su come fotografare le ricette.

5 trucchi su come fotografare le ricette

  1. Il cibo è sempre il protagonista, ma è bene ricordare che spesso i tempi di cottura delle ricette non vanno molto d’accordo con la fotogenicità degli alimenti. Pasta, pesce e verdure, per esempio, rendo al meglio quando semi-crudi.
  2. Lo sfondo e la luce naturale giocano un ruolo fondamentale, cerca sempre di farli lavorare a tuo vantaggio! Scegli sfondi che riflettano la luce naturale che hai a disposizione in modo da far risaltare i colori, le consistenze e la presentazione dei cibi.
  3. Se ti stai chiedendo come fotografare il cibo e quali sono i parametri migliori per la resa degli alimenti sicuramente dobbiamo tenere in considerazione un diaframma molto aperto e un’inquadratura molto stretta che si concentra sulla ricetta che stiamo fotografando, senza lasciare che l’occhio dello spettatore si perda a guardare gli oggetti presenti nella stanza. Usare un cavalletto, inoltre, può essere molto utile quando parliamo di food photography.
  4. Non dimenticare mai i forchette, coltelli, cucchiai, tovaglioli, tovaglie.. insomma, tutte le stoviglie necessarie per creare una situazione verosimile. Ricordando sempre che la ricetta è la protagonista dello scatto non dobbiamo dimenticare che inserire il nostro piatto in una situazione verosimile gioverà alla composizione dello scatto e all’appeal della fotografia sullo spettatore.
  5. L’angolo di ripresa è fondamentale e nella food photography ne esistono principalmente tre: 

    > La visuale da 0 a 15 gradi, che esalta la verticalità del piatto ed è la visuale che più di tutte prende in considerazione anche una piccola porzione di stanza e che dunque è la più complicata per composizione.

    > La visuale a 45 gradi, che è forse quella più naturale e che si avvicina alla visione reale che abbiamo di un piatto quando mangiamo. 

    > La visuale area, che è quella che va più di moda. Questo tipo di angolazione esalta il piatto, gli dona importanza e ce lo restituisce come se fosse una vera e propria opera d’arta dipinta sul tavolo.

Ora che hai imparato i 5 trucchi su come fotografare le ricette puoi creare la tua galleria di foto food professionali su Gallerist, qualche acquirente potrebbe essere interessati alle tue ricette!

Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on LinkedInEmail this to someone

Scarica l’app

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter di Gallerist, e rimani sempre aggiornato sulle ultime novità che riguardano l’app!
Come pensi di usare Gallerist?
* È possibile selezionare anche entrambe le risposte
N.B.: Cliccando “ISCRIVITI” accetti la nostra Privacy Policy